Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Restauri Grande Guerra (1915-1918) Cannaregio Chiesa di San Canciano
Azioni sul documento

Chiesa di San Canciano

VENETO, Venezia, Cannaregio, Calle del Campaniel

 

  • oggetto: lapide commemorativa ai caduti
  • collocazione specifica: Chiesa di San Canciano, facciata laterale destra
  • soggetto: figura di soldato (fante)
  • data: 1922
  • definizione culturale: ambito veneziano
  • materia: pietra d'Istria
  • descrizione: Edicola con timpano curvilineo e capitelli decorati, presenta una doppia cornice degradante a listelli. Sotto il timpano è un altorilievo con testa di fante dallo sguardo severo e accigliato circondato da fasci d'erba. Sotto, lapide recante la dedica e i nomi dei caduti in guerra. Nella zona sottostate è un fascio d'alloro in parte coperto da un candelabro in bronzo. 
  • notizie storico-critiche: Nel 1922 la Ditta Pietro Gaffarini di Venezia con il laboratorio di marmi a San Trovaso presentò alla Commissione all'ornato di Venezia il progetto, realizzato dall'architetto Gastone Iscra, per l'esecuzione della lapide ai caduti per la Parrocchia di San Canciano. Il 21 maggio avvenne l'inaugurazione a partire dalle ore 9.00 con una funzione nella chiesa parrocchiale, poi con lo scoprimento della lapide commemorativa. Nel 1926 la Società  di ginnastica "Fulgor" di San Canciano fece dono di una lampada votiva realizzata da Cosimo Bellotto da poter collocare dinanzi alla lapide e venne inaugurata il 5 dicembre 1926. (Vedi Archivio Comunale Celestia, Venezia, posizione: IX 4/8 1926-30, fascicolo: 26360/22; posizione: IX 4/9 1921-1925, fascicolo: 35565/1922).
         

lapide a edicola con timpano curvilineo e capitelli decorati. sotto il timpano è un altorilievo con testa di fante. sotto, lapide con  dedica e nomi dei caduti in guerra.

   

 

Link al Catalogo Generale dei Beni Culturali (ICCD)

Scheda completa (pdf)

                             

 

 

 

« luglio 2017 »
do lu ma me gi ve sa
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031
 

Sviluppato con Plone CMS, il sistema open source di gestione dei contenuti

Questo sito è conforme ai seguenti standard: