Sezioni

PREMESSA

Il Prezzario 2010, redatto dalla Soprintendenza, viene aggiornato con questa versione 2018 curata dal Segretariato Regionale per il Veneto.

L’aggiornamento è stato limitato al costo della manodopera considerando la maggior incidenza di quest’ultima nel costo delle opere di restauro rispetto al costo dei materiali; il costo della manodopera è stato aggiornato sulla base della tabella del dicembre 2015 del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti – Nucleo Operativo di Venezia.
Il Prezzario 2018 per le Opere di restauro, riferendosi a interventi di massima attuati da questa Soprintendenza, si propone come strumento utile di riferimento sia rispetto ai modi operativi sia rispetto ai costi.
Il Prezzario 2018 conserva la stessa struttura d’ordine delle precedenti edizioni, con la suddivisione in tre capitoli:

  • Opere,
  • Costi Elementari e
  • Analisi Prezzi.


I capitoli relativi alle Opere e alle Analisi Prezzi sono suddivisi in 10 sezioni:

  • Manodopera,
  • Ponteggi,
  • Murature,
  • Intonaci,
  • Solai,
  • Terrazzi e
  • Pavimenti,
  • Tetti,
  • Infissi,
  • Indagini e monitoraggio.


Le sezioni del Prezzario sono state costruite partendo dalla raccolta e dalla comparazione delle voci e delle relative analisi prezzi di alcuni gruppi di opere che sono apparse con maggior frequenza negli interventi compiuti dalla Soprintendenza nell’ultimo decennio. A tal proposito si tiene a sottolineare come i prezzi comprendano tutte le lavorazioni inserite in analisi. La successiva rielaborazione delle voci raccolte dalle numerose perizie di spesa è stata condotta per giungere, per quanto possibile, ad una descrizione sufficientemente generale delle singole lavorazioni, utile per orientare la stesura della progettazione degli interventi  di restauro della città di Venezia.


Tenuto conto della specificità del Prezzario di questa Soprintendenza, nato per definire sotto il profilo tecnico-culturale operazioni di restauro con particolare riferimento alle tecniche costruttive e di intervento proprie di Venezia e del territorio lagunare, l’elenco dei costi elementari contiene i soli materiali che trovano impiego nel campo del restauro


Le analisi prezzi di ogni sezione sono state calibrate su diverse quantità delle lavorazioni: il costo unitario dei Ponteggi è riferito ad una quantità media di 200 mq; quello delle Murature a 50 mc, quello degli Intonaci a 200 mq, quello dei Terrazzi a 100 mq, quello dei Tetti a 300 mq, quello degli Infissi a 50 mq.


Il carattere di unicità di ogni intervento di restauro legato alla diversa combinazione delle variabili in gioco –  da un lato la complessità della superficie per la presenza di elementi architettonici e/o apparati decorativi, il degrado del supporto lapideo, le sedimentazioni superficiali, e dall’altro le scelte culturali e le attese di restauro del progettista -  conduce alle volte alla messa a punto di lavorazioni che tengono conto della specificità dell’intervento pur riprendendo nei contenuti tecniche e metodologie descritte nelle voci del Prezzario. Per rendere quindi utilizzabile il Prezzario anche in questi casi particolari, si potrà fare ricorso, quando necessario, all’applicazione di coefficienti correttivi maggiorativi o riduttivi. Tali coefficienti, compresi comunque in un campo limitato che potrà variare tra 0.70 e 1.30 potranno essere applicati discrezionalmente dal progettista che valuterà se i parametri rilevati, relativi alle caratteristiche della superficie, al tipo ed al livello di degrado del materiale ed al tipo e consistenza dello strato di sedimentazione, sono raffrontabili con quelli previsti dalle voci del Prezzario o se, per particolari condizioni legate alla specificità del caso, si renda necessaria l’applicazione di coefficienti maggiorativi o riduttivi.


Metodi, tecniche e procedure elaborate nelle descrizioni sono in ogni caso riferite ad interventi di conservazione, consolidamento e restauro relativi a strutture, parti o materiali appartenenti al complesso delle fabbriche lagunari. Conseguentemente le analisi prezzi tengono conto, per la quantità di manodopera, delle condizioni medie di cantiere - a partire dalla situazione degli accessi acquei, che si è assunta come ottimale - della Venezia insulare.  A tal proposito va anche rammentato che i costi della manodopera sono quelli fissati per la città e la laguna; per Chioggia e la terraferma le analisi prezzi dovranno essere corrette tenendo conto della maggior facilità di accesso e di approvvigionamento del cantiere.


L’elenco dei materiali è ordinato, per ogni categoria, in ordine alfabetico.

Scarica il file in formato .PDF

pubblicato il 2019/06/18 10:33:08 GMT+1 ultima modifica 2019-06-18T10:33:08+01:00

Valuta questo sito